La Voce della Scuola LIVE, puntata del 28 ottobre

La Voce della Scuola LIVE, puntata del 28 ottobre

Novembre 2, 2021 0 Di Ylenia Franco

Al termine della puntata del 28 ottobre, si è avuto un interessante momento di dibattito tra gli ospiti per lo scambio dei diversi punti di vista, dibattito quasi scontato, visto l’argomento, che negli ultimi tempi ha acceso piazze e proteste.

“Nel pieno rispetto della legge, che senza dubbio va applicata e rispettata, è importante che sanzioni corrispondenti ad espulsioni (Sen. Granato) o sospensioni (Prof. De Cristofaro), vadano ponderate. È giusto quindi che ogni portatore di idee diverse possa esprimersi in modo pacato e costruttivo, spiegando i motivi della propria posizione”.

 
“Ringrazio il prof. Curreri per l’attestato di solidarietà per quanto disposto dall’Ufficio di Presidenza del Senato, in ordine ad un fatto correlato alla mia attività politica, per la quale credo ci volesse un altro tipo di rispetto. Voglio sottolineare che sono stata l’unica ad essere sospesa in questa legislatura, nonostante ci siano stati altri senatori della Lega, che hanno addirittura arrecato un danno fisico ad un questore in aula e non hanno subito alcuna sanzione, questo dà la misura del provvedimento da me subito. Per quanto riguarda la sua posizione in merito al green pass, il prof. Curreri ha già una sua opinione sui vaccini che pesa sulla sua valutazione del provvedimento del green pass, mentre io ritengo che sia importante la conoscenza a 360° sui vaccini, del rapporto effetti-benefici, rapporto che sarà disponibile ufficialmente solo nel 2023, per questo parlo di ‘autorizzazione condizionata’, perché più fasi che dovevano precedere l’autorizzazione definitiva, sono state raggruppate tutte insieme, non è stato rispettato il rapporto di propedeuticità tra l’uno e l’altra e questo non da, a chi sottoscrive quel consenso che dovrebbe essere libero e informato, una chiara contezza di quello che si sta inoculando, ma non per i principi attivi o per gli elementi in esso contenuti; io mi sono permessa di avere dei dubbi, perché la gente si dovrebbe nutrire di dubbi e non di dogmi, specialmente in questo caso, quando un prodotto non è stato autorizzato e non ha completato le fasi di sperimentazione, quando intorno a me si sono verificati episodi avversi anche molto gravi, casi che purtroppo, in alcuni casi impediscono a queste persone di accedere alla seconda dose e conseguentemente di ottenere la certificazione definitiva del green pass, e questi casi non prevedono purtroppo l’esenzione dalla seconda dose. Le circolari del Ministero prevedono che se una dose abbia dato effetti avversi bisogna ricorrere ad una dose eterologa, ed è comprensibilissimo che ci siano delle persone che, avendo avuto degli effetti collaterali pesanti con la prima dose, nutrano dei dubbi su questi prodotti e quindi non vogliono effettuare la seconda dose. Ed è qui che subentrano i limiti imposti per il rispetto alla dignità della persona umana, afferma la Sen. Granato “.

“Ma se il messaggio che lei da che non ci sono tutti gli standard sulla sicurezza del vaccino, e dimentichiamo l’EMA e l’AIFA, non facciamo un favore alla collettività, asserisce Francesco Tulone“.

“L’autorizzazione condizionata , ridadisce la Senatrice Granato, verrà rilasciata ufficialmente solo nel 2023, come si legge anche dal sito dell’AIFA. L’EMA riferisce anche il livello di sperimentazione raggiunto. Sono stati da me ricavati studiando i siti ufficiali”.


“Voglio precisare che io mi vaccinerò, perché non ho un problema con il vaccino; non mi sono volontariamente vaccinato per poter contestare anche davanti al giudice questa situazione, perché vogliamo che i diritti sia individuali che collettivi siano garantiti; altrimenti porgiamo il fianco a posizioni poco scientifiche ma che sono rafforzate da un impianto politico, portato avanti dal Governo Conte 2 e dal Governo Draghi che, finita la fase di emergenza, continua a lavorare male su questo terreno, afferma il prof. De Cristofaro“.