Barbuto (Movimento 5 Stelle): “Ricordiamo che l’Educazione civica è una parte importantissima per l’Agenda 2030”

Barbuto (Movimento 5 Stelle): “Ricordiamo che l’Educazione civica è una parte importantissima per l’Agenda 2030”

Dicembre 12, 2021 0 Di Ylenia Franco

 29 total views

La Voce della Scuola LIVE – 50esima puntata

C.d.c. A046 Diritto ed Economia al biennio: “Una proposta concreta che risponde all’esigenza di formare cittadini consapevoli”

L’Onorevole Elisabetta Barbuto, Deputata del Movimento 5 Stelle ha presentato in questi giorni alla Camera dei Deputati un emendamento, in cui si richiede l’introduzione dell’insegnamento dell’A046, Diritto ed Economia, al biennio di tutte le scuole del 2° ciclo.
Ricordiamo che tale c.d.c prevede l’insegnamento dell’Educazione Civica, insegnamento reso obbligatorio dal Ministro Bussetti nel 2019, (LEGGE 20 agosto 2019, n. 92), ma affidato non ad uno specifico docente, bensì in modo trasversale a tutti i docenti del consiglio di classe, con l’impegno di dedicarvi un monte ore annuo, diverso per ogni ordine di scuola. Ancora, ricordiamo che l’Educazione civica è una parte importantissima per l’Agenda 2030, presente in molti degli obiettivi fissati dall’ONU (per la crescita sostenibile, per il rispetto delle diversità), ma in particolare nell’obiettivo 16: “Pace, giustizia ed istituzioni forti”, per Promuovere società pacifiche e inclusive per lo sviluppo sostenibile, garantire a tutti l’accesso alla giustizia, realizzare istituzioni effettive, responsabili e inclusive a tutti i livelli.


“Personalmente, ritengo che tale insegnamento vada ampliato, con l’inserimento in tutte le scuole del secondo ciclo-precisa Barbuto- La nostra battaglia è iniziata per inserire l’educazione delle discipline giuridiche in tutti gli ordini di scuola. Ad inizio legislatura credevamo che il programma di educazione civica avesse un ruolo fondamentale. Abbiamo insistito molto su questo punto, siamo riusciti ad ottenere di affidare il ruolo di coordinatore di educazione civica ai docenti della classe di concorso A046, qualora presenti nell’istituzione scolastica. Ciò ci ha fornito lo stimolo per andare avanti. Non credo sia giusto che alla luce di tante assunzioni questi docenti siano ancora precari di ruolo, mortificando la loro professionalità. Nel mondo di oggi in particolare ritengo che il docente delle discipline economiche e giuridiche sia una figura determinante in quanto costituisce il punto di partenza per la formazione del cittadino, per insegnare e comprendere il rispetto delle regole condivise. L’emendamento è stato presentato e trasferito al Senato tramite la collega Villani che si trova in Commissione Cultura. Si tratta di verificare quanto queste istanze verranno considerate importanti. Un emendamento del genere risponde sia alla richiesta formativa di educazione alla legalità delle future classi dirigenti sia per dare forza a un percorso di crescita umana e civica dei nostri studenti”.